Alea Bulletin

Bollettino di informazione specialistica in materia di azzardo. La redazione di Alea Bulletin, con periodicità variabile, raccoglie riflessioni, approfondimenti, recensioni, al fine di alimentare il dibattito scientifico e di offrire alla comunità degli operatori che lavorano nel settore informazioni corrette ed aggiornate.

ALEA Bulletin

2013

n° 3

ELMO-GA: Elenco delle Motivazioni che ti fanno Giocare d’Azzardo

"Mi occupo di dipendenze patologiche da diversi anni e nel corso del mio lavoro ho avuto modo di ascoltare e condividere storie sofferte, rivelazioni sconcertanti, idee deliranti... Ho imparato tanto e per fortuna sono ancora ignorante. Ho imparato che chi manifesta una dipendenza patologica non vuole soffrire per forza ma vuole soffrire di meno, e che la droga per il tossicodipendente come la cioccolata per la bulimica o il videopoker per il giocatore d'azzardo non sono desideri ma bisogni, che a volte travalicano la forza di volontà e la logica del pensiero.

Sviluppare nel corso degli anni una dipendenza patologica significa cercare di sopravvivere a una minaccia più gran- de, che lo stesso dipendente avverte senza esserne del tutto consapevole." (1)
In base al nostro studio ci sono almeno 21 motivazioni diverse che portano a giocare d'azzardo e poi non ti lasciano smettere. La percen- tuale di ogni motivazione dà un'indicativa frequenza con cui tale motivazione può essere presente, secondo quanto riscontrato su pa- zienti intervistati, seguiti dal Ser.T. di Cortemaggiore, nei primi mesi del 2013.
Il metodo utilizzato è stato quello dell'intervista strutturata è stata proposta a cento pazienti (84 uomini e 16 donne), di età variabile tra 21 e 74 anni. L'età media dei pazienti era di 43.92 anni (SD=12.34). Tutti i pazienti avevano avuto la diagnosi di gioco d'azzardo patologico secondo i criteri del DSM IV TR.

 

I risultati evidenziati sono stati i seguenti, in grassetto le motivazioni:

Le tipologie di gioco praticate erano: newslot 60%, vlt 15%, scommese sportive 10%, gratta e vinci 5%, poker 4%, 10 e lotto 2%, bingo 2%, roulette 2%.
1. Ci sono persone che giocano d'azzardo per vincere denaro, per avere più soldi: (83%)
Vincere denaro vuole dire tante cose.
C'è chi vorrebbe vincere piccole cifre per concedersi piccoli lussi: sono i giocatori di slot ad inizio carriera. Per fare qualche regalo agli altri.
C'è chi vorrebbe fare una grossa vincita che gli cambi la vita: sono i giocatori del gratta e vinci, del superenalotto, delle vlt. Per "fare il colpaccio".
C'è chi si accontenterebbe di vincere per continuare a giocare. Continui a infilare soldi per fare continuare il gioco. Ma i soldi non bastano mai e c'è chi si scopre avido. Giochi perché non ti accontenti. Speri in un guadagno facile.

2. Ci sono persone che giocano d'azzardo per divertimento, perché gli piace giocare: (68%). Perché poi ti senti appagato.

3. Ci sono persone che giocano d'azzardo perché gli dà brivido, eccita- zione, comunque sensazioni forti, adrenalina che sale: (48%).

4. Ci sono persone che giocano d'azzardo per stare con amici o fami- liari o per incontrare nuove persone, giocano per socializzare: (12%). Tipico di chi gioca a bingo.

5. Ci sono persone che giocano d'azzardo come passatempo, come anti- noia, per fare qualcosa intanto che aspettano, come diversivo: (64%).

6. Ci sono persone che giocano d'azzardo per il piacere di vincere, a prescindere dai soldi: vincere per vincere: (49%).
Per sentire che vali. Perché ti fa sentire onnipotente. Per fare vedere che sei più furbo degli altri.

7. Ci sono persone che giocano d'azzardo per battere gli altri giocatori, per essere quello che emerge: (18%).

8. Ci sono persone che giocano d'azzardo perché lo fanno gli amici, per non sentirsi fuori dal gruppo: (9%).
Tipico di chi fa scommesse sportive con gli amici.

9. Ci sono persone che giocano d'azzardo per il piacere del rischio e la sensazione d'incertezza che c'è nell'azzardo: (46%).

10. Ci sono persone che giocano d'azzardo per metter in pratica le proprie abilità, le strategie, i trucchi che hanno imparato guardando giocare e scambiandosi consigli con gli amici: (55%).
Per esempio vedendo un altro giocatore perdere tanti soldi ti viene di pensa- re: "adesso li vado a recuperare io".

11. Ci sono persone che giocano d'azzardo perché è interessante, affa- scinante: desta la loro curiosità: (30%).Curiosità di vedere se paga. E' affascinante lo stile di vita che ti propone il gioco d'azzardo. Curiosità per le nuove macchine.

12. Ci sono persone che giocano d'azzardo per non pensare a niente, per prendersi una pausa, per rilassarsi dallo stress, per stare da soli: (65%).
Per staccare la spina. Per non pensare ai problemi, alle preoccupazioni. Per lasciare il mondo fuori. Per affrontare ansia e depressione. Per dimenticare le cose che vanno male.

13. Ci sono persone che giocano d'azzardo come sfida: vogliono battere la macchina, vogliono sfidare il gioco. Vogliono "fregare" la macchina e sanno che non si devono fermare: (34%). Sanno di andare a combattere contro i mulini a vento, contro l'impossibile, ma non si fermano. Usano la loro tenacia e non mollano.

14. Ci sono persone che giocano d'azzardo dopo aver bevuto alcolici o usato cocaina: (15%). Hanno tendenza alle compulsioni.

15. Ci sono persone che giocano d'azzardo perché si sentono fortunati o per metter alla prova la propria fortuna: (46%).

16. Ci sono persone che giocano d'azzardo per recuperare i soldi che hanno perso al gioco. Per rifarsi. Per risolvere: (88%).
Tra le persone che chiedono aiuto, la maggior parte vorrebbe vincere dena- ro per risolvere la situazione debitoria, per recuperare i soldi persi nel gioco d'azzardo. Per avere una speranza.

17. Ci sono persone che giocano d'azzardo per insoddisfazione. Vor- rebbero guadagnare di più, sentono di meritarselo ed il gioco è una sorta di rivalsa: (30%). Per problemi sul lavoro. Perché invecchi e ti senti sempre secondo. Perché non ti piace il lavoro che fai. Per essere all'altezza della morosa più ricca.

18. Ci sono persone che giocano d'azzardo per solitudine, perché si sentono soli: (30%). Per attirare l'attenzione. Per lutti non elaborati.

19. Ci sono persone che giocano d'azzardo per sfogo: per sfogare la rabbia per qualcosa o contro qualcuno. Oppure giocano per colpa di qualcosa o di qualcuno:(55%). Per scaricarsi. Perché la suocera vive con voi...

20. Ci sono persone che giocano d'azzardo per autolesionismo, per farsi del male, per buttare i soldi: (14%).
Buttano i soldi invece di tagliarsi. Invece di farsi del male in altro modo. Invece di suicidarsi.

21. Ci sono persone che giocano d'azzardo per abitudine: (52%) Vai a giocare come in trance, come fosse un automatismo. All'interno di una routine consolidata. Come una sorta di rituale.

22. Che cosa mi sono dimenticato?

I pazienti chiedono frequentemente di capire come sia stato possibile arrivare a giocare d'azzardo in questo modo così pericoloso, visto che si ritengono persone normali. Si chiedono: "Cosa c'è di sbagliato in me?" Siamo una macchina tenace che sforna predizioni, che fa connessioni e che cerca di darsi spiegazioni. "Ditemi cosa mi è successo, perché non ci posso credere..."
Molti chiedono: "Perché ho iniziato a giocare? Non ne avevo motivo né necessità... E poi perché non riuscivo a smettere?
Sono tenace, e non mollo. Sono intuitivo e furbo. Nel mio lavoro sono apprezzato perché sono sempre un passo avanti agli altri..."
La trappola scatta quando abbassiamo l'attenzione, usiamo il pilota automatico o modifichiamo i ricordi, ma soprattutto quando usiamo le nostre innegabili competenze applicandole a un campo illusorio e che non abbisogna di competenze: il gioco d'azzardo.
Alcune forme di dipendenza sono il tentativo di affrontare così il male di vivere, come scelta del male minore. Un modo per difendersi, anche se vergognosamente e goffamente.

Conclusioni
E' utile eseguire quest'intervista strutturata. Serve per non dimenticare dei pezzi importanti su cui lavorare. Serve per sottolineare che sappiamo benissimo che ci sono motivazioni più che razionali che portano a giocare d'azzardo. L'intervista strutturata permette di indi- viduare le motivazioni del gioco d'azzardo e di pianificare con il paziente i nodi focali del trattamento del gioco eccessivo. Quelle motiva- zioni vanno soddisfatte e affrontate in altro modo. Quando le motivazioni a giocare d'azzardo vengono indirizzate e soddisfatte da altri comportamenti la cura è a buon punto o comunque sta andando nella giusta direzione. L'intervista sulle motivazioni è nata da diversi studi accreditati sull'argomento (2-6).

Maurizio Avanzi

 

Bibliografia
Tonioni F. Quando internet diventa una droga. Ciò che i genitori devono sapere. Einaudi, Torino, 2011, p.3
Neighbors C., Lostutter W.T., Cronce J.M., Larimer M.E., Exploring College Student Gambling Motivations, Journal of Gambling Studies, 2002, 18: 361-370.
Lee P.-H., Chae P.-K., Lee H.S., Kim Y.-K., The five-factor gambling motivation model, Psychiatry Research, 2007, 150: 21-32.
Stewart S.H., Zack M., Development and psychometric evaluation of a three-dimensional Gambling Motives Questionnaire, Addiction, 2008, 103: 1110-1117.
Wardle H., Dobbie F., Kerr J., Reith G., Questionnaire development for a longitudinal study of gamblers: phase 1 report, London: National Centre for Social Research, Prepared for the Gambling Commission, 2009.
Binde P., Why people gamble: a model with five motivational dimensions, International Journal of Gambling Studies, 2013, 13: 81-97.

  • Edizioni

    2013

    2014

    2015

    • 2015-1 > PDF > Blog
    • 2015-2 > PDF > Blog

    2016

    • 2016-1 > PDF > Blog
    • 2016-2 > PDF > Blog
    • 2016-3 > PDF > Blog

    2017

    • 2017-1 > PDF > Blog
    • 2017-2 > PDF > Blog

    2018

    • 2018-1 > PDF > Blog
    • 2018-2 > PDF > Blog

    2019

    • 2019-1 > PDF > Blog
    • 2019-2 > PDF > Blog

    2020

    • 2020-1 > PDF > Blog

  • Redazione Alea Bulletin

    Gianni Savron

    Gianni Savron

    Graziano Bellio

    Graziano Bellio

    Claudio Dalpiaz

    Claudio Dalpiaz

    Mauro Croce

    Mauro Croce

    Beatrice De Luca

    Beatrice De Luca

  • F.A.Q.

    CHE COS'È QUESTA ROBA ?

    Caro lettore, ha davanti a te Alea Bulletin, una pubblicazione elettronica curata da ALEA in tema di gioco d’azzardo e gioco d’azzardo patologico.

    E CHI È ALEA ?

    Alea è l’associazione per lo studio del gioco d’azzardo e dei comportamenti a rischio, la prima società scientifica italiana che si è impegnata nel campo dell’azzardo. Alea riunisce i maggiori studiosi italiani della materia e ha la missione di studiare il fenomeno del gioco d’azzardo e le sue ricadute personali, familiari, sociali, prima fra tutte lo sviluppo della patologia di dipendenza correlata (disturbo da gioco d’azzardo)

    NON SENTIVO IL BISOGNO DI UN’ALTRA MAIL INUTILE NELLA MIA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA.

    Hai tutta la nostra solidarietà: la mail inutili (spam) producono un danno significativo a chi lavora. Alea Bulletin verrà proposto a cadenza dilazionata, 3-4 volte l’anno ed è pronto a cancellarti dalla lista di invio se non ne vuoi più sapere. Le istruzioni per cancellarti sono in coda al Bulletin. Inoltre la mail non contiene la pubblicazione in allegato, ma solamente il link per poter scaricare i contenuti dal sito: ciò rende leggero il messaggio di posta e non appesantisce la tua casella. Abbiamo creato una mailing list iniziale con indirizzi di persone che supponevamo interessate. Se ci siamo sbagliati, ci scusiamo.

    VA BENE, PERÒ PRIMA VOGLIO CAPIRE: COSA C’È DENTRO ‘STO ALEA BULLETIN?

    Alea Bulletin è un prodotto unico nel campo italiano: propone brevi articoli sul tema dell’azzardo, organizzati in rubriche a cadenza variabile: ciò significa che non è previsto che ogni numero ospiti tutte le rubriche. Abbiamo pensato di organizzare gli articoli del Bulletin in: editoriali sintesi e commenti di un articolo significativo dal panorama internazionale sintesi e commento di un articolo significativo dal panorama italiano lavori o report originali su una propria esperienza o ricerca sunti di articolo, relazione o presentazione a convegno da parte dell’autore commenti, opinioni, valutazioni di normative, fatti, dichiarazioni, ed altro, in tema di azzardo recensioni di un manuale, un testo scientifico, un libro di narrativa, un film o altra opera artistica in tema di azzardo ‘fuori sacco’: contributi non organizzabili all’interno delle rubriche precedenti. Altre rubriche potranno essere inserite in futuro. Considera che al momento la pubblicazione, a causa della sua periodicità, non è adatta a commentare l’attualità o a fungere da notiziario con tempestività.

    MMHM... POTREBBE INTERESSARMI DARCI UNA OCCHIATA: TROVERÒ QUINDI GLI ABSTRACT DI ARTICOLI SCIENTIFICI?

    Troverai di più: alcuni articoli significativi verranno riassunti e commentati. Se gli articoli sono reperibili gratuitamente su Internet, ti daremo le coordinate per trovarli. Gli abstract invece li puoi trovare facilmente su Internet. Il ‘copia e incolla’ ci annoia: ci piace di più condividere un nostro pensiero, una nostra valutazione, qualcosa che ha stuzzicato il nostro interesse.

    CHI SCRIVE GLI ARTICOLI?

    Alea Bulletin è primariamente la voce di Alea e dei suoi soci. Potrebbero comparire anche articoli di altre persone non associate che ci sono vicine e che invitiamo a collaborare. Ma se tu hai qualcosa da dire, avanza la tua proposta: i riferimenti sono nelle note in coda al Bulletin.

    VEDO CHE C’È UN COMITATO DI REDAZIONE. FARETE UNA SELEZIONE DEGLI ARTICOLI?

    La qualità è il nostro obiettivo fondamentale perché Alea Bulletin è il nostro biglietto da visita. È importante che gli articoli rispettino i nostri parametri editoriali, ma non abbiamo interesse a selezionare e a escludere a priori. Il comitato è lì per consigliare gli opportuni aggiustamenti ai testi. Comunque ci aspettiamo di ricevere articoli interessanti e contributi originali.

    OK, MI AVETE CONVINTO. COME FACCIO PER OTTENERLO?

    Se non sei nella nostra iniziale mailing list, iscriviti inserendo i tuoi dati nella prima sezione di questa stessa pagina. E ricorda: i tuoi dati servono unicamente per ricevere Alea Bulletin. Se vuoi altre informazioni visita ogni tanto il nostro sito web.

    TUTTO BENE, ADESSO PERÒ VENIAMO AL DUNQUE: QUANTO MI COSTERÀ?

    Nulla: Alea Bulletin è del tutto gratuito.

    UN’ULTIMA COSA: HO LETTO IL BULLETIN, MA NON HO TROVATO NULLA SULLA LUDOPATIA.

    Né mai troverai nulla: questo termine è un neologismo creato da chi guadagna sull’azzardo e quindi fatto rimbalzare ad arte sui mass media e, ahimè, nei documenti governativi. Ludopatia è un termine che non esiste né nei testi scientifici, né nei dizionari di italiano (anche se c’è da scommetterci che presto verrà inserito). Se proprio ci tieni a leggere cose sulla ludopatia, esistono altre pubblicazioni.


Seguici su Twitter
  • Nessun cane può correre così veloce come i soldi che scommetti su di lui.

    Bud Flanagan

  • Il giocatore d'azzardo quanto più è bravo nel suo mestiere, tanto più è disonesto.
    Publilio Siro, Sentenze

  • Il senso del cavallo è un buon giudizio che trattiene i cavalli dallo scommettere sulle persone.

    W.C. Fields

  • Il poker consente di dimenticare tutto, compreso il fatto che non possiamo permetterci di giocare.

    Philippe Bouvard

  • Il gioco è un suicidio senza morte.
    André Malraux La condizione umana, 1933

  • "Non avendo pensieri da scambiarsi, si scambiano le carte, e cercano di portarsi via l'un l'atro i fiorini"
    A. Schopenauer

Resta in contatto !

ALEA – associazione per lo studio del gioco d’azzardo e dei comportamenti a rischio - Licenza Creative Commons - CF e PI  01010650529 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - HTML5 and CSS3 compliant - I contenuti del sito ALEA sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported